Potere e leadership: qual è la differenza?

Potere, Autorità, Leadership: cosa serve per essere un manager di valore?

Alessandra Colonna     

Bridge Partners®

Potere, Autorità e Leadership. Molto spesso usiamo questi termini come sinonimi. Ti è mai capitato?
Quanti di noi hanno chiara la differenza?

Max Weber, uno dei padri della sociologia moderna, ha tracciato una chiara distinzione tra queste tre parole apparentemente simili, ma che in realtà celano tre mondi diversi.

  1. Il Potere è ottenere obbedienza, anche contro la volontà altrui. Questo perché non esiste un rapporto autentico e paritario tra le persone, ma al contrario un’imposizione della volontà di uno sugli altri.
  2. L’Autorità è legata al consenso (o disobbedienza), al riconoscimento, con conseguente accettazione o negazione delle decisioni in quanto riconosciute come legittime o illegittime. Contrariamente al potere, c’è un dialogo tra autorità e subordinati.
  3. La Leadership ha il suo fondamento nella capacità di influenzare e farsi seguire senza imposizioni; non ha necessariamente a che fare con la gerarchia. Il leader guida ‘dal di dentro’.
Potere —> Autorità —> Leadership… cosa scegliere?

Se potere e autorità agiscono in modo verticale, nella leadership il senso di marcia è orizzontale. Per gestire le aziende in questo nostro tempo, che è un po’ senza tempo, servono persone abili, dotati di una forte e sana leadership. Il leader deve saper innovare, comunicare e motivare, tenendo presenti l’eterogeneità del suo team, e i sempre nuovi paradigmi del mercato.

Per definire la leadership in due parole diremmo potere gentile, non autoreferenziale, il cui obiettivo non è la cura esclusiva degli interessi di chi la esercita, ma il raggiungimento e la condivisione di risultati di valore.

Leadership —> Potere gentile

Essere leader significa avere potere e autorità senza esercitare la forza. Se pensi che la leadership sia una dote naturale, innata, sappi che è vero solo in parte. La leadership si impara, si allena e va aggiornata continuamente adeguandola a paradigmi che mutano nel tempo, rapidamente. In sintesi, leader consapevoli non si nasce, si diventa, e non si è mai arrivati. Da un leader ci si aspetta mente elastica, capacità di saper cogliere gli umori del business e di cavalcarlo con uno sguardo aperto. Ed ecco che la comunicazione, la negoziazione e guidare il cambiamento diventano strumenti centrali per il leader, perché sono gli strumenti che creano connessioni di valore.

Sul sito Bridge Partners® sono disponibili maggiori informazioni ed occasioni d'incontro per i manager che scelgono, giorno dopo giorno, di essere leader e non solo capi.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Manuela Biti Presidente ALDAI-Federmanager

Tutti i 40 consiglieri eletti del rinnovato Consiglio Direttivo ALDAI hanno partecipato il 30 giugno 2021 all'elezione del Presidente e del Tesoriere. Per la prima volta la riunione si è svolta in presenza con partecipazione di 14 consiglieri da remoto, dopo oltre un anno di riunioni esclusivamente in videoconferenza.
01 luglio 2021

Competenze per l'eccellenza

Non ci sono dubbi, le "competenze" rappresentano la chiave per lo sviluppo dell’economia della conoscenza e le dinamiche collaborative di una società moderna. Ma il termine “competenze” si presta a diverse interpretazioni che possono generare equivoci e congelare il dialogo
01 luglio 2021