Competenze, diversità e corporate governance

Nell’ambito dell’attuale dibattito circa la proposta di estensione della legge Golfo-Mosca sull’equilibrio tra i generi negli organi delle società quotate e a controllo pubblico, il Gruppo Minerva ALDAI-Federmanager attenta alla valorizzazione dei propri Dirigenti ha costituito un gruppo di lavoro “Donne Dirigenti e CdA” che si propone di identificare le competenze più rilevanti che il manager d’azienda porta agli organi sociali ai fini delle decisioni strategiche e della gestione dei rischi aziendali. Il Gruppo è aperto agli iscritti ALDAI-Federmanager interessati a contribuire ai temi di corporate governance.

a cura del GdL Minerva ALDAI-Federmanager

Si parla molto, anche a livello internazionale, dell’impatto positivo della diversità sulla cultura aziendale e sulla qualità del processo decisionale. Un recente studio della Consob (“Boardroom gender diversity and performance of listed companies in Italy”*) indica come la partecipazione delle donne negli organi sociali ha avuto un effetto positivo e significativo su tutte le misure di performance aziendale utilizzate quando le donne sono presenti in modo incisivo (più dal 30% del Consiglio in su).
Il “Rapporto sulla corporate governance delle società quotate” di Consob d’altro canto evidenzia come dal punto di vista professionale siano aumentati i consulenti, i professionisti e gli accademici, categorie nelle quali le donne sono più attive e visibili. Limitata rimane invece l’incidenza delle donne manager con esperienze industriali anche se la classe dirigente femminile è una realtà sempre più importante nelle nostre aziende industriali.
Quali sono dunque i tratti che distinguono il manager d’azienda e che sono adeguati a sostenere i temi prioritari per i CdA? Si parla in particolare di competenze industriali, internazionali, inclusive.

  • industriali: conoscenza delle tecnologie, dei benefici della trasformazione digitale, dell’impatto dell’innovazione sui processi operativi e produttivi.
  • internazionali: approccio multiculturale, attenzione agli aspetti di diversità e comprensione dei rischi geopolitici e commerciali.
  • inclusive: la capacità di fare squadra, l’orientamento alla responsabilità sociale dell’impresa (i temi “ESG”) intesa come attenzione alle politiche di genere, i diritti umani, gli standard lavorativi e i rapporti con la comunità civile.
Queste competenze sono particolarmente funzionali alle responsabilità degli amministratori nel creare valore a lungo termine: aiutano nella valutazione del posizionamento strategico e delle scelte di innovazione; assicurano che la definizione del profilo di rischio sia volta alla sostenibilità dell’azienda in un contesto di mercati in forte evoluzione; bilanciano gli interessi di tutti gli stakeholders.
Il Codice di Autodisciplina (2018) delle Società Quotate alla Borsa Italiana, oltre ad incoraggiare il mantenimento dell’equilibrio tra i generi al di là dei requisiti di legge, sottolinea l’importanza della diversità in senso ampio auspicando la presenza di varie professionalità: “Nella valutazione della composizione del consiglio, occorre verificare che siano adeguatamente rappresentate, in relazione all’attività svolta dall’emittente, le diverse componenti (esecutiva, non esecutiva, indipendente) e le competenze professionali e manageriali, anche di carattere internazionale, tenendo altresì conto dei benefici che possono derivare dalla presenza in consiglio di diversi generi, fasce d’età, anzianità di carica e altri aspetti di diversità individuati dall’emittente”.
Fonte: alleyoop.ilsole24ore.com/2018/11/22/aziende-le-donne-nei-board-fanno-bene-ai-bilanci/

Fonte: alleyoop.ilsole24ore.com/2018/11/22/aziende-le-donne-nei-board-fanno-bene-ai-bilanci/

I dati sulla corporate governance hanno dimostrato che l’attenzione alla diversità derivata dalla Legge Golfo-Mosca ha avuto un impatto positivo su altri aspetti oltre al genere: l’età, il livello di istruzione, la diversità delle competenze.
Il Gruppo di Lavoro “Donne Dirigenti e CdA” è ora composto da donne con esperienza manageriale almeno ventennale che include la finanza, l’area commerciale, la trasformazione digitale e l’area legale. 
Paola Poli, coordinatrice del Gruppo Minerva ALDAI-Federmanager, commenta: “Questo gruppo ha iniziato un’importante interazione che porta a un confronto aperto sulle tematiche portanti del sistema industriale, sulle sue sfide e sul ruolo che le donne manager possono avere a sostegno dei CdA. L’Italia ha oggi raggiunto una buona rappresentanza femminile paragonata agli altri Paesi europei, ma i tema dell’aggiornamento e della flessibilità, garantire un ricambio e un ulteriore avanzamento è l’obiettivo che il gruppo si è posto, con il sostegno di ALDAI-Federmanager”.

Chi fosse interessato a ricevere maggiori informazioni, può scrivere a: 
comunicazione@aldai.it

GRUPPO DI LAVORO
MINERVA ALDAI-FEDERMANAGER:
DONNE DIRIGENTI E CDA

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
01 gennaio 2024

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Il CCNL, occasione da non sprecare

Illustrato e approvato in Consiglio Nazionale il documento per l'avvio della trattativa per il nuovo CCNL
01 gennaio 2024