Donne e startup

Dove eravamo rimaste… dove andremo La fine dell’estate segna la ripresa per antonomasia delle attività, non solo associative, ma anche dei buoni propositi e degli obiettivi.

Paola Poli      

Donne Dirigenti Minerva ALDAI-Federmanager e Consigliere ALDAI 

Il Programma Donne Dirigenti che insieme al Gruppo Minerva ALDAI, in sinergia con Federmanager Minerva, stiamo portando avanti vuole non solo valorizzare esempi manageriali femminili positivi grazie al Premio Merito e Talento, ma segnalare, informare, creare sinergie con Enti e Istituzioni, promuovere opportunità e fare rete. In questi anni di lavoro abbiamo instaurato dialoghi costanti con le Istituzioni, ma anche con donne, dirigenti e quadri, che ci hanno seguito e supportato nella nostra mission. Di seguito il punto della situazione sulle donne e le startup, una riflessione coronata dall’intervista che l’On. Lara Comi ci ha concesso e a seguire segnaliamo due importanti iniziative che riteniamo utili per le nostre associate e per il nostro programma. Con l’occasione ricordiamo che anche quest’anno sosteniamo il Gamma Forum che ogni anno assegna il Premio Gamma Donna per l'imprenditoria femminile.

Dall'ultimo dato Infocamere crescono le startup innovative che tra soci e dipendenti danno lavoro a 36.000 persone. Il Ministero dello Sviluppo Economico rifinanzia con 95 milioni di euro la nascita e la crescita delle start up innovative ad alto contenuto tecnologico con iniziative come smart start (www.smartstart.invitalia.it). Sono in crescita le start up in ogni settore, non solo tecnologico, per le donne è una grande opportunità. Molti i bandi privati e pubblici, promossi da banche, aziende private, associazioni, come Cariplo factory, Unicredit start lab, Neoimpresa Intesa, Cartier women awards. Sempre di più gli Angels sensibili allo sviluppo di buone idee, che finanziano in prima persona. A finanziare non sono più solo società finanziarie o fondi ma persone che hanno nel loro curriculum una solida esperienza in azienda e che hanno deciso di investire nel far partire nuove imprese. In Italia ha appena vinto un prestigioso premio come Europe's Female Angel Investor Paola Bonomo, da anni impegnata nello sviluppo di start up. Il progetto Women Angels for Europes Entrepreneurs vuole coinvolgere un numero sempre maggiore di donne negli investimenti come Angel. Ma ci sono anche Angeli che accompagnano la nascita di nuove imprese mettendo a disposizione il loro sapere e la loro esperienza come ad esempio Programma Virgilio Rotary o Women Boot Camp organizzato da Impact Hub. Lancio una proposta: e se anche le donne dirigenti facessero da Angel per le aspiranti imprenditrici? Magari collegandoci a chi già lo fa? Un'altra fonte di finanziamento sempre più diffusa è il crowdfunding, dalle ultime statistiche sono state lanciate 139.000 campagne dagli uomini e 55.000 campagne dalle donne (anni 2015/2016). Il Governo ha lanciato un programma che agevola l'accesso al credito per le imprese femminili http://imprenditricioggi.governo.it/opportunita.html  
Abbiamo intervistato l'onorevole Lara Comi Eurodeputato al Parlamento Europeo.

Quali opportunità di impresa vedi per le donne italiane dal tuo punto di vista di europarlamentare europea?

Gradualmente tutte le statistiche evidenziano il crescente numero di donne che dagli studi in poi non solo competono ma spesso superano i colleghi maschi. Vedo ottime prospettive. Penso in particolare ad una tendenza confermata da numerosi dati: le donne creano la propria azienda e si auto assumono, spesso creando start up di successo che riescono ad affermarsi e consolidarsi in molti ambiti. Nel 2017 l’Unione Europea ha selezionato un’italiana fra le 12 candidate per l’EU Prize for Women Innovators, dove viene riconosciuta l’eccellenza dell’impresa sul piano della ricerca. È Mary Franzese, co-founder della startup che riduce i danni al cervello in caso di ictus. Insomma, possiamo fare ovviamente tutto.

Quali sono le principali opportunità di finanziamento o sinergia/ alleanze per le start up?

Nonostante nei 28 Paesi membri la popolazione femminile superi quella maschile, le donne rappresentano solo il 34,4% delle titolari d’azienda e il 30% di coloro che hanno dato vita a una start up. Gli strumenti offerti dall'Unione Europea sono molteplici: pensiamo al network europeo per promuovere l’imprenditoria femminile o ai finanziamenti ad hoc. Esiste anche uno specifico portale, www.wegate.eu, che riassume tutte le opportunità utili per una donna che voglia avviare un’attività imprenditoriale. Inoltre potrete consultare i bandi europei che vengono pubblicati ogni mese tra i quali vi sono le opportunità di finanziamento anche per le imprese e per l’imprenditoria femminile. https://laracomi.it/bandi-europei/ 


Sul programma donne dirigenti Minerva ALDAI-Federmanager che stiamo conducendo, oltre ad attivare sinergie sul territorio e al Premio Merito e Talento, pensi che potremmo essere presenti anche su tavoli istituzionali? Ad esempio abbiamo appena fatto una ricerca con Bocconi dove emerge che le donne sono portatrici di un nuovo stile di leadership ma anche dati un po' sconcertanti tipo che oltre il 40% non ha figli.

È fondamentale che le Associazioni di categoria consentano di veicolare in modo sistematico tutte le opportunità messe in campo dall'Unione Europea. Ci sono infatti risorse ed iniziative poco conosciute e poco valorizzate che potrebbero fare la differenza per tante donne che volessero avviare una propria attività. La sfida della conciliazione dei tempi fra famiglia e lavoro è grande. In luoghi di grande prestigio ed impegno, dove sono richieste molte ore di lavoro, è evidente il sacrificio che soprattutto le donne devono compiere ogni giorno, per mantenere la propria competitività. Asili nido, smart working, telelavoro, part time. Le soluzioni legislative ed organizzative in campo per sostenere le donne nel loro compito di lavoratrici e mamme sono ormai diversificate, dobbiamo contribuire tutti a renderle attuali impegnandoci in prima persona.

Gli ultimi dati ISTAT evidenziano un grosso carico di lavoro sulle donne, in altri Paesi ci sono altre soluzioni di supporto e bilanciamento casa lavoro, forse dovremmo valorizzarlo in termini economici per smuovere un po' le cose?

Benché il nostro Paese abbia ancora differenze significative rispetto ad altri Paesi europei, la flessibilità che oggi è possibile grazie alle nuove tecnologie determina un miglioramento. In questi anni anche il lavoro in Parlamento è stato importante; in Europa proprio lo scorso marzo abbiamo ribadito la necessità di garantire la piena attuazione della direttiva sulla parità di retribuzione tra donne e uomini. Peraltro proprio a Strasburgo abbiamo dovuto ascoltare con stupore e rabbia l'intervento di un eurodeputato del Nord Europa che ha avuto l'ardore di sostenere come le donne siano "più deboli, meno intelligenti, devono guadagnare meno". Stereotipi e luoghi comuni sono ancora forti. Da qui il nostro impegno che deve continuare.

DIGITAL 

La grande crescita del digitale sia in termini di opportunità di lavoro sia in termini di fruizione ha dato il via ad una serie di azioni per accelerare l'acquisizione di conoscenze e capacità su diversi target, dall'introduzione del coding nelle scuole, alla Digital Innovation Hub di Confindustria, alle iniziative come Nuvola Rosa di Microsoft che ha visto 800 ragazze a fare coding e cyber security in maglietta rosa all'università Federico ll di Napoli, e il mese delle stem del Miur. Su startupitalia.eu potete trovare le 100 donne che si sono distinte nel digitale. Nonostante ciò il mercato del lavoro non riesce a fare fronte alle migliaia di posizioni aperte, occorre diffondere più velocemente queste capacità. Ne abbiamo parlato assieme con il Politecnico di Milano, con PWA e con altri attori per aprire un tavolo di confronto e individuare modi per facilitare la digitalizzazione delle donne.

INSPIRING GIRLS / VALORE D

Come emerso dal nostro evento "Donne industria e trend internazionali" che ha fatto un quadro completo delle donne in carriera sia attraverso la ricerca Minerva ALDAI Bocconi sulle donne dirigenti sia attraverso la ricerca europea di Boston Consulting, servono mentorship e role modeling. Alla votazione sulle iniziative che le donne dirigenti possono fare per dare un contributo, molte di voi avevano scelto "testimonianze nelle scuole". Valore D ha lanciato il programma Inspiring girls dove le donne faranno testimonianze e speed mentoring nelle scuole. Abbiamo parlato con Valore D e ci danno l'opportunità di partecipare. Per chi vuole dare un contributo scrivete a: Inspiring.girls@valored.it

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Le 10 competenze più richieste

Il World Economi Forum ha indicato le dieci più importanti competenze per il lavoro nel 2020. Leggendo questa breve sintesi potrai confrontare la tua preparazione per le prospettive di lavoro.
A cura della redazione 
01 luglio 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Contratto Dirigenti in scadenza nel 2018

Il contratto Confindustria-Federmanager in vigore dal 1° gennaio 2015 scadrà il 31 dicembre 2018. I lettori che hanno ricevuto e attivato l'accesso agli articoli riservati agli associati possono scaricare di seguito il contratto in vigore per aprire un consapevole confronto per il rinnovo del contratto.

A cura della redazione Dirigenti Industria 
01 novembre 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

C.C.N.L. DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

Accordo 30 dicembre 2014 tra Federmanager e Confindustria

In un contesto di economia globale e di internazionalizzazione, sempre più frequentemente ci viene richiesta una versione inglese del Contratto Collettivo.
01 novembre 2017