Investire nel proprio futuro

Del futuro non c’è certezza, ancor meno oggi e in prospettiva. Il contesto stimola atteggiamenti difensivi, ma il buon senso impone di cavalcare il cambiamento. Un po' imprenditori, un po' manager, un po' consulenti, un po' no profit: nascono gli hybrid workers.

Nicolò Boggian 

Board Member Forum della Meritocrazia e Managing Partner, Black tie
Qualche mese fa ho scritto di un futuro ( prossimo ) del lavoro “Il futuro del lavoro” e del modo in cui le organizzazioni reagiscono o potrebbero reagire al cambiamento in atto. 
A distanza di qualche mese voglio invece ragionare su come le Persone si adattano o potrebbero adattarsi a questo cambiamento. 
I fattori di contesto sono sempre i medesimi: competizione globale e tecnologia, che portano ad effetti visibili e ad opportunità da cogliere. Se da un lato infatti le carriere e la stabilità del posto di lavoro sono sempre più a rischio, d'altro lato emergono opportunità di lavoro, conoscenza e azione finora sconosciute. 

In queste condizioni si originano una serie di reazioni, difensive o evolutive, che le persone attuano. Si possono "catalogare" in reazioni difensive i comportamenti di alcuni che tendono per esempio a lavorare sempre più ore per essere competitivi o cercano di difendere i propri privilegi acquisiti con varie forme di comportamenti opportunistici. Definirei queste reazioni come patologiche, perché in ultima analisi danneggiano le organizzazioni e le persone stesse, e pertanto da sconsigliare e disincentivare. 

Viceversa trovo evidenza di varie reazioni evolutive che portano le persone ad investire sempre più nella formazione continua , nella ridefinizione dei propri obiettivi e in uno sforzo di supporto al cambiamento della società con attività di giveback e di dono. 
In particolare vedo una tendenza alla creazione di figure professionali "ibride" che definirei quindi hybrid workers. Sono professionisti che hanno interessi differenziati e riescono ad essere contemporaneamente, o in fasi successive, sia manager che imprenditori che consulenti che investitori che attori del mondo no profit. 

Questa strategia di diversificazione non solo è positiva per il contesto per molti motivi, ma è anche molto positiva per le persone stesse che in questo modo imparano, proteggono il proprio status, costruiscono network e opportunità per se stessi e per gli altri. 
Un modo molto sano e produttivo di accompagnare il cambiamento e di esserne artefici e promotori. Le organizzazioni possono avvantaggiarsi di questi comportamenti (invece di boicottarli) e il contesto istituzionale può mutare per stimolare e tutelare questa transizione dagli squilibri che un cambiamento di questo tipo inevitabilmente genera. Sempre più interessanti saranno quindi strutture che supportino questo cambiamento e facciano tesoro delle esperienze e risultanze acquisite.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il danno alla salute del dirigente per eccessivi carichi di lavoro

La possibilità per il dirigente di modulare la prestazione lavorativa anche in relazione ai carichi di lavoro e alla fruizione di ferie e riposi non esclude la responsabilità del datore di lavoro per i danni alla salute conseguenti all’attività lavorativa
01 maggio 2022

Italia a rischio povertà energetica

Articolo scritto a gennaio e diventato d'attualità con il conflitto in Ucraina, per il quale esprimo solidarietà nei confronti delle vittime e di sostegno nei principi di libertà e fratellanza fra tutti i popoli. L’importazione di petrolio, gas e di elettricità espone il Paese alla crescita dei prezzi e al rischio sostenibilità, in particolare per le imprese industriali. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dovrebbe investire in energie rinnovabili nazionali - fotovoltaico, eolico, dal mare e dal nucleare sicuro di nuova generazione - per ridurre quanto possibile la dipendenza dall’estero; senza se e senza ma.
01 marzo 2022

Basterà un GOL?

Nell'ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è previsto il finanziamento di un programma di Politiche Attive per la Garanzia Occupabilità Lavoratori (GOL). In un contesto aggravato dalle conseguenze della guerra in Ucraina, scarsità e aumento dei prezzi delle materie prime saremo in grado di far fronte al susseguirsi delle crisi?
01 maggio 2022

Conviene riscattare gli anni di Università per anticipare la pensione?

Il 24 febbraio si è tenuto un webinar con partecipazione record di centinaia di manager, sul tema "Riscatto di laurea in forma ordinaria o agevolata?"
01 aprile 2022