Investire nel proprio futuro

Del futuro non c’è certezza, ancor meno oggi e in prospettiva. Il contesto stimola atteggiamenti difensivi, ma il buon senso impone di cavalcare il cambiamento. Un po' imprenditori, un po' manager, un po' consulenti, un po' no profit: nascono gli hybrid workers.

Nicolò Boggian 

Board Member Forum della Meritocrazia e Managing Partner, Black tie
Qualche mese fa ho scritto di un futuro ( prossimo ) del lavoro “Il futuro del lavoro” e del modo in cui le organizzazioni reagiscono o potrebbero reagire al cambiamento in atto. 
A distanza di qualche mese voglio invece ragionare su come le Persone si adattano o potrebbero adattarsi a questo cambiamento. 
I fattori di contesto sono sempre i medesimi: competizione globale e tecnologia, che portano ad effetti visibili e ad opportunità da cogliere. Se da un lato infatti le carriere e la stabilità del posto di lavoro sono sempre più a rischio, d'altro lato emergono opportunità di lavoro, conoscenza e azione finora sconosciute. 

In queste condizioni si originano una serie di reazioni, difensive o evolutive, che le persone attuano. Si possono "catalogare" in reazioni difensive i comportamenti di alcuni che tendono per esempio a lavorare sempre più ore per essere competitivi o cercano di difendere i propri privilegi acquisiti con varie forme di comportamenti opportunistici. Definirei queste reazioni come patologiche, perché in ultima analisi danneggiano le organizzazioni e le persone stesse, e pertanto da sconsigliare e disincentivare. 

Viceversa trovo evidenza di varie reazioni evolutive che portano le persone ad investire sempre più nella formazione continua , nella ridefinizione dei propri obiettivi e in uno sforzo di supporto al cambiamento della società con attività di giveback e di dono. 
In particolare vedo una tendenza alla creazione di figure professionali "ibride" che definirei quindi hybrid workers. Sono professionisti che hanno interessi differenziati e riescono ad essere contemporaneamente, o in fasi successive, sia manager che imprenditori che consulenti che investitori che attori del mondo no profit. 

Questa strategia di diversificazione non solo è positiva per il contesto per molti motivi, ma è anche molto positiva per le persone stesse che in questo modo imparano, proteggono il proprio status, costruiscono network e opportunità per se stessi e per gli altri. 
Un modo molto sano e produttivo di accompagnare il cambiamento e di esserne artefici e promotori. Le organizzazioni possono avvantaggiarsi di questi comportamenti (invece di boicottarli) e il contesto istituzionale può mutare per stimolare e tutelare questa transizione dagli squilibri che un cambiamento di questo tipo inevitabilmente genera. Sempre più interessanti saranno quindi strutture che supportino questo cambiamento e facciano tesoro delle esperienze e risultanze acquisite.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Le 10 competenze più richieste

Il World Economi Forum ha indicato le dieci più importanti competenze per il lavoro nel 2020. Leggendo questa breve sintesi potrai confrontare la tua preparazione per le prospettive di lavoro.
A cura della redazione 
01 luglio 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Contratto Dirigenti in scadenza nel 2018

Il contratto Confindustria-Federmanager in vigore dal 1° gennaio 2015 scadrà il 31 dicembre 2018. I lettori che hanno ricevuto e attivato l'accesso agli articoli riservati agli associati possono scaricare di seguito il contratto in vigore per aprire un consapevole confronto per il rinnovo del contratto.

A cura della redazione Dirigenti Industria 
01 novembre 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

C.C.N.L. DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

Accordo 30 dicembre 2014 tra Federmanager e Confindustria

In un contesto di economia globale e di internazionalizzazione, sempre più frequentemente ci viene richiesta una versione inglese del Contratto Collettivo.
01 novembre 2017