EU Green Deal

Il 14 luglio la Commissione europea ha adottato una serie di proposte per trasformare le politiche dell'UE in materia di clima, energia, trasporti e fiscalità in modo da ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. È fondamentale ridurre le emissioni nel prossimo decennio per fare dell'Europa il primo continente a impatto climatico zero entro il 2050 e tradurre il Green Deal europeo in una realtà concreta. Leggi »

Sviluppo sostenibile, portatore di valore e competitività per l’impresa

Gli studi condotti dall’Osservatorio 4.Manager negli ultimi 12 mesi, mostrano un incremento esponenziale della complessità che manager e imprenditori stanno affrontando sia per gestire le conseguenze delle ripetute ondate epidemiche, sia per immaginare le strategie più adatte ad affrontare la fase post-pandemica e le opportunità offerte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), sia per affrontare uno scenario geoeconomico e delle catene di approvvigionamento radicalmente diverso da quello pre-pandemico Leggi »

Bandi Green Deal Europei

La Commissione Europea ha stanziato 1 miliardo di euro per finanziare progetti di ricerca e sviluppo per contrastare gli effetti della crisi climatica e contribuiscano a preservare la biodiversità e gli ecosistemi. Leggi »

Primo Forum Regionale per lo Sviluppo Sostenibile

Dal 19 al 21 novembre Regione Lombardia organizza in modalità Webinar il primo Forum per lo Sviluppo Sostenibile, come paradigma per il rilancio. Clicca in fondo all'articolo "Scrivi un commento o invia una domanda" per segnalare le soluzioni sostenibili che saranno menzionate in occasione del Forum. Diretta streaming su www.svilupposostenibile.regione.lombardia.it/forum Leggi »

Il futuro dell’idrogeno

Con l’impiego di fonti energetiche alternative, l’idrogeno cosiddetto “verde” (green hydrogen) può diventare competitivo. Il suo uso può essere favorito da opportune politiche di incentivazione e inserito con efficacia nei piani di sviluppo sostenibile e con esso, a livello mondiale, si prospettano enormi riduzioni di emissione di CO2. Il momento è arrivato per un utilizzo importante e diffuso dell’idrogeno e si diffonde un interesse crescente per questo elemento del quale cogliere oggi le opportunità. Leggi »

Siderurgia Green

Per conseguire sviluppo sostenibile è necessario abbattere i gas serra e in particolare le emissioni di anidride carbonica (CO2). La siderurgia è fra i settori con le maggiori emissioni e le nuove tecnologie possono ridurre notevolmente l'impatto ambientale. L'articolo rappresenta una "Pillola Formativa" per promuovere soluzioni per la de-carbonizzazione e le competenze per uno Sviluppo Sostenibile. Leggi »

Eni e l’economia circolare

Sperimentazioni Eni già in atto e iniziative industriali future favoriranno la strategia di Sviluppo Sostenibile basata sul modello circolare, grazie agli impianti di conversione, alle competenze consolidate, alle tecnologie, alla ricerca innovativa e alla distribuzione geografica dei propri asset, a partire dal territorio nazionale, con 4 raffinerie, 2 bio-raffinerie, 9 impianti chimici e 4500 punti vendita. Leggi »

Rifiuti Speciali: da problema a risorsa

Con il ” Workshop Rifiuti Speciali” del 21 Gennaio u.s. il Comitato Ecologia ALDAI-Federmanager, con il concorso di Assolombarda, ha fornito un contributo sintetico, ma efficace, su un tema complesso e di stringente attualità. Un tema ricco di prospettive per Dirigenti, Imprenditori e policy maker: per la sua valenza economica, sociale, ambientale, e per il fatto che in Italia i rifiuti sono sempre più non solo un problema ma un'emergenza, mentre in Europa sono gestiti come risorsa. Leggi »

Dirigenza per lo sviluppo sostenibile

La Confederazione Italiana Dirigenti e Alte Professionalità CIDA, alla quale aderiscono 12 Federazioni e 45mila dirigenti iscritti del privato e pubblico in Lombardia, ha sottoscritto il protocollo della Regione Lombardia per lo Sviluppo Sostenibile impegnandosi a realizzare quattro specifiche iniziative: diffusione delle competenze per l’economia circolare; promozione della catena alimentare green; formazione dei giovani; creazione di una rubrica Dirigenti Industria dedicata allo Sviluppo Sostenibile.

A cura della segreteria CIDA  Leggi »

Sondaggio “Triple Bottom Line” sulle prestazioni economiche, sociali e ambientali

Partecipa al sondaggio della Confederazione Europea dei Dirigenti (CEC), di cui CIDA è socio fondatore, per definire lo standard di certificazione dei bilanci aggiungendo ai dati economici quelli sociali e ambientali per una informazione trasparente e una valutazione consapevole da parte degli investitori e in generale degli stakeholders.


A cura della segreteria CIDA  Leggi »

I perché della BIOECONOMIA

La bioeconomia è un grande contenitore della produzione primaria - agricoltura, allevamento, foreste, pesca e acquacoltura - e di settori industriali che utilizzano o trasformano le biorisorse, come l’industria alimentare, dei mangimi, della cellulosa, della carta, della lavorazione del legno, le bioraffinerie, parte dell’industria chimica, energetica e marino-marittima. Leggi »

Opportunità di sviluppo AgriTech

La digitalizzazione sta cambiando e innovando radicalmente tutti i settori della società, compreso quello più tradizionale dell’agricoltura.
L'Ente regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste (ERSAF), che gestisce per conto di Regione Lombardia il complesso Riccagioia, nel Comune di Torrazza Coste (PV), ha dato il via alla manifestazione di interesse per idee progettuali finalizzate alla valorizzazione immobiliare del complesso. Leggi »
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.